Femu a Corsica
Ghjovi u 4 di Dicembre 2014

Quistione à bocca posta da Saveriu Luciani, à nome di u gruppu Femu a Corsica : Bandera corsa è razzisimu antì corsu


O Sgiò Presidente,
 
Luni scorsu Femu a Corsica hà chjamatu à un’addunita generale in Corti per urganizà una risposta pupulare di i corsi, di pettu à l’inghjulia fatta à u simbulu u più forte di u Populu Corsu, a nostra bandera.
I naziunalisti ch’è no simu a dicenu oghje : ùn lasceremu più fà è rispunderemu à  qualunque assaltu di quelli chì si permettenu à laziu d’imbruttà è di disprezzà stu paese, à traversu a nostra bandera. Ci vole ch’ella pianta è subitu ! Serà u sensu di a muzione ch’è no presenteremu à sta sessione.

In corte parolle, oghje pratendimu ch’ellu esiste dipoi sempre una forma di razzisimu antì corsu. Hè un fattu storicu ch’ùn si pò negà è chì à i ghjorni d’oghje piglia à multiplicassi, à palesu, à quandu in u duminiu spurtivu, à quandu in certi canali d’infurmazione, à quandu à cullà, à passà o à vene.
Ma u peghju hè chì tutte ste campagnate ricevenu, voli sì voli nò, l’accunsentu di a « pariginità ».

Ch’ellu si parli di u Sporting o d’altri associ spurtivi, di l’arrestati ministeriali o prefetturali ingiru à certe partite di ballò in Corsica o in Francia, ch’ellu sia per indettu in l’impaginate di u magazinu « Capital », a Corsica è i corsi sò cagione di tuttu.

A più bella ferma quantunque l’accuse purtate contr’à u purtieru bastiacci Jean Louis Leca, culpevule d’avè fattu sventulà a nostra bandera dopu à a vittoria di u Sporting in Nizza. Ci parenu fole ma à l’esciuta, ùn sò chè discriminazione è inghjustizie per faccile falà scutrate.
Ùn ne simu più d’un scontru spurtivu qualunque, ma si tratta di a Corsica.è d’una bandera è di una memoria chì ci venenu da u seculu Tredeci.  
Femucila corta : oghje ùn ne simu più à vucerà o à ghjimbà u capu. Abbisogna una volta per sempre una reazzione cullettiva di a representazione eletta di a Corsica.

Ma nanzu di compie, un passu in daretu : u 26 di nuvembre di u 2010, l’Assemblea di Corsica hà vutatu à l’unanimità a muzione di Femu a Corsica, quella chì dumandava di cambià u logò di a Cullettività di tandu, è di rimpiazzallu, adduttendu da logò a TESTA MORA di a nostra bandera naziunale.
Sta bandera ùn hà mica partitu, hè quella di noi altri tutti, di quellli chì campanu quì è forse di certi chì campanu in altrò.

Allora, à nome di noi altri tutti, l’eletti di Femu a Corsica vi dumandanu di sprime di manera sulenne l’indignazione nostra di pettu à accuse, detti è cumpurtamenti  di sta spressione inaccettevule di u razzisimu antì corsu è di sta negazione di ciò ch’è no simu. È perfine, falli capì, di manera più chè chjara a nostra vulintà di fà fronte, à nome di ciò chì ci porta à tutti dipoi sempre, vogliu vene à dì a Bandera di u Populu Corsu.

À ringraziavvi   

* Sta quistione à bocca posta era privista à a sessione di i 30 è 31 d'uttobre
Femu a Corsica

Cantunale | Assemblea di Corsica | Cantunale 2011 | Assemblea di Corsica : Quistione à bocca | L'eletti | Assemblea di Corsica : Muzione | A lèttera | Elezzione | Attualità | Istituzioni | Législatives 2012 | Présidentielles françaises | Municipales Aiacciu 2015 | TARRITURIALI DI 2015 | U Filu di a Storia | Custruì una sucietà libera | Inizià u Riacquistu Ecunomicu | Elezzione legislative 2017