Femu a Corsica
Ghjovi u 25 di Farraghju 2016

Dumanda à bocca, posta da Paulu-Santu PARIGI : Lingua corsa è carta sculare


Dumanda à bocca, posta da Paulu-Santu PARIGI : Lingua corsa è carta sculare
O sgiò Presidente, O sgiò Cunsiglieru in carica di a Lingua Corsa,

S’hè parlatu assai a settimana scorsa in tutti i rughjoni paisani ma dinù citatini di carta sculare per a prussima rientrata.

Ci vole da ramintà à l’aprima chì a Cullettività Territuriale di Corsica face dapoi parechji anni una pulitica di sviluppu à prò di a Lingua Corsa è in particulare in u duminiu di l’educazione. Porghje aiuti impurtanti è finanziari per l’elementariu ma dinù in u secundaru.

Cum’ella hè stata detta da u novu esecutivu, pigliendu e so funzioni stu sustegnu à l’educazione ùn pò fà chè cresce à l’avvene, per permette infine à a sucietà Corsa d’esse una sucetà bislingua, è quessa cum’ella hè scritta in u cartulare di u Pianu 2020 vutatu da st’assemblea. Face parte di e nostre brame è hè una di e priurità di u nostru prugettu puliticu.

Essendu elettu di rughjoni paisani è insignante di lingua Corsa, i frastorni ch’ella porta issa carta sculare 2016 mi toccanu in l’intimu di l’esse. A scola in senu à l’azzione publica hà una piazza centrale in a perenità è a trasmissione di a lingua. Dunque sò inchetu di vede chì minacce pesanu nantu à a chjuditura di tante scole di i nostri paesi.

Per i nostri rughjoni quandu una scola chjode hè un paese chì more. Oghje pudemu pisà nantu à issa fatalità è fà opera di cambià u visu di isse Pieve marturiate da decine d’annate di lascia corre. Si a mubilisazione è a prisenza d’eletti di a magiurità territuriale hà digià pisatu nantu à e decisioni di e strutture educative, nunda ùn pare vintu capu nenzu è mi si pare ch’ellu ci vole à esse attenti à issa pulitica di gestione chi si vole solatimente cuntabule.

Ci vole à ripete u nostru sustegnu à isse pupulazioni paisane impignate da isse chjuditure. Seria un culpacciu à tempu pè l’insignamentu è per u dispusitivu pedagogicu bislingu.

A risposta, a sapemu, ùn po esse solu quella di a Culettività, nè mancu quella di l’inseme di e strutture à capu di l’insignamentu oghje ghjornu in Corsica. Hè per ciò ch’o vi ringraziu capu nenzu per u vostru impegnu è per ciò chè vo purterete cumè sustegnu à sta situazione. Ma ci tocca à andà più in là è perenizà, cum’è dicia prima, chì per avà si capisce chì, senza misure pulitiche forte, stu cuntrastu si rinnuverà ogni annu.

A mo dumanda serà dunque chjara: aldilà di l’analisi d’una situazione ch’ùn cunvene à nimu, di a necessità d’abundà ver di una sucetà corsa bislingua è viva, da a piaghja à a muntagna, qualesse serianu e vostre prime pruposte per circà di mantene a vita di e scole di i nostri rughjoni paisani ?

Vi ringraziu.

Riposta di Saveriu LUCIANI à a quistione à bocca posta da Paulu-Santu PARIGI, à nome di u gruppu “FEMU A CORSICA”

O sgiò Presidente, O sgiò Cunsiglieri, caru amicu Parigi,

Cum’è a spiegate propiu bè, a vostra dumanda hè à tempu quella di l’elettu d’un territoriu paisanu primurosu di i so lochi di l’internu, è dinò quella di u prufessore è militente culturale impegnatu dipoi tant’anni in u solcu di a lingua nostra. Senza vulenne fà quì un chjam’è rispondi – chì ne cunniscite megliu chè mè l’arte è a manera -, sapete bè chì amu listessa primura: sta primura à tempu bramosa di mantene e scole di a ruralità isulana, è di prumove un sviluppu cuntinuvu di l’insignamentu di u Corsu. Circheraghju dunque stamane di davvi u parè di l’Esecutivu, à l’accorta, assucenduci quantunque, per contu meiu, a mo cullega Josepha Giacometti, in carica di l’Educazione.

Prima, vi vogliu precisà chì per avà a Corsica ùn hà sta cumpetenza d’almanaccà a carta sculare. Vole dì ch’ellu ci tocca à incalcà oghje dumane e nostre rivindicazione di statutu for’di norma, varchendu a tandu, cum’è in tant’altri duminii, in un quatru puliticu à custruì. Si tratta di rumpitura cù stu monolinguisimu di statu è di l’avenimentu d’una demucrazia linguistica, u corsu ufficiale è a messa in attu d’un plurilinguisimu apertu. Ma soca ne parleremu più precisi un’antra volta. Tornu à a vostra dumanda è vi citu, chì simu, di pettu à stu capatoghju, veradimente custine, tramindui, in cunsunenza. Dite chì – vi citu - : “ A risposta, a sapemu, ùn po esse solu quella di a Culettività, nè mancu quella di l’inseme di e strutture à capu di l’insignamentu oghje ghjornu in Corsica...”. È po dite dopu : “ ... senza misure pulitiche forte, stu cuntrastu si rinnuverà ogni annu”. Iè,, stu risicu, hè capita è certa, per noi altri hè sempre quì.

Prova si n’hè chì ne parlemu torna stamane. Ma vogliu incalcà nant’à ciò ch’è vo scrivite à l’ultimu, ricurdendu “ l’azzione forte di a Cullettività Territuriale di Corsica” è u scopu d’accimà l’ogettivu d’una “sucetà Corsa bislingua”, in leia cù l’ogettivi di u Pianu 2020 vutatu da st’assemblea annu scorsu. Iè, a tornu à dì, face parte di e priurità maiò di u nostru prugettu puliticu. Aldilà di ste cunsiderazione ch’omu pò qualificà di ritrovu, vi possu dì chì l’Esecutivu Territuriale s’hè mossu per a difesa di tutte ste scole, siasi in Ponte à a Leccia – per a scola di Merusaglia, chì ferma un simbulu forte per i corsi -, in Aregnu o sippuru in Santu Petru di Tenda.

À listessu tempu, amu scrittu in stu sensu à u Rettore, u 5 di ferraghju, per dilli u nostru sustegnu tutale à e mubbilisazione di i genitori è eletti lucali è u scopu di u spannamentu generalizatu di u Corsu. A so risposta, a mane di l’8 di ferraghju, quand’eramu nant’à u ponte di Ponte à a Leccia, mi pare ch’ella appia pigliatu a misura è a forza di e nostre rivindicazione. Un’elemente interessante vene à rinfurzà u mo spostu, l’annunziu di 20 posti cusì detti pruvisorii, in l’insignamentu elementare, à prò di a furmazione in lingua corsa. Ma quessa a sapiamu digià...

Và bè, ma vi diceraghju tandu chì l’affare ùn basta manc’à pena. Manca, è a dice u STC, 30 posti bugetarii in l’Accademia, riguardu à e creazione di st’ultimi dui anni, à livellu francese. Hè una discriminazione di più è a diceremu da quì à pocu à u Rettore è à a Ministra. Si capisce forse megliu sta franasia di a logica matematica di tutte ste chjuditure... Ma chjuditure chì quì toccanu per u più e scole bislingue di i paesi. Quessa ùn l’accettemu micca è ùn l’accetteremu più.

Ùn vale quì à sviluppà più in là a nostra andatura: u Rettore hà parlatu di scuntracci allocc’à marzu; si tratterà tandu per noi d’elaburà capunanzu un cuntrattu di territoriu per e scole di a ruralità. Ma quì dinò ùn basta; dumandemu, per esse propiu assuciati à e decisione, di stallà u “Cunsigliu accademicu è territuriale” privistu da u Pianu Lingua 2020. Eccu per risponde à i vostri frastorni l’iniziativa subbitagna ch’ellu impreme di piglià cù u Statu.

Per allargacci à pena, aghjustu ch’è n’amu a primura d’un sviluppu chì trica, chì trica, un sviluppu decisivu, da inceppà in furia l’insignamentu bislinguu, sin’à a generalizazione prugrammata dipoi un bellu pezzu. U Statu n’accetta u scopu, ma sin’ad avà, ùn l’hà accumpagnatu, postu ch’è no ne simu à pocu pressu à un terzu di l’effettivi in u primariu, per ùn parlà chè di l’elementare. Un passu in daretu per ricurdà à stu Statu ch’ella era prevista a generalisazione in scola materna per u 2013 in i patti di 2007 ...

Infine, divvi in furia in furia u prugettu fattivu di cunvenzione chì vene à rinfurzà a dimarchja di l’esecutivu, in discussione cù Retturatu : si tratta à l’ingrossu d’una strattegia alternativa di transitu, cù una dumanda di 30 posti di furmatori – ci pruponenu 20 -, per guasi 70% d’insignanti à furmà in u prima gradu, à livelli diversi. Si tratta dinò di fà cresce u percentuale di ricutamentu di u cuncorsu bislinguu di prufessori di scole, per purtallu à 100 per 100 per u 2019, o a prova d’immersione in scola materna, tir’avanti è passa. Oghje, noi parlemu di sviluppu quand’elli ci volenu mette in dificultà...

Ferma à compie cù l’idea di puntellà a carta sculare di i rughjoni. Parlava in principiu di cumpetenze, vi parlu quì di suluzione : a devuluzione di e cumpetenze educative à a CTC, cum’ella hè stata fatta in certi territorii. Intantu, cun tutti i mo culleghi di l’Esecutivu, ci impegnemu in prugetti à prò di u sviluppu di l’internu, per rivitulì tanti rughjoni induve e scole fermanu forse un spechju, ma un spechju vivu.

Per cunclude, vi diceraghju solu dui affari:
- Siate persuasu di a nostra vulintà di difende è prumove l’azzione d’una lingua viva in e scole di a nostra ruralità
- Siate persuasu di u nostru impegnu, à nome di a indiatura di sempre.

O Sgiò cunsiglieru, a vi tornu à ripete: “simu tutti di sti paesi, è i vulemu vede campà !”

À ringraziavvi 
Femu a Corsica

Cantunale | Assemblea di Corsica | Cantunale 2011 | Assemblea di Corsica : Quistione à bocca | L'eletti | Assemblea di Corsica : Muzione | A lèttera | Elezzione | Attualità | Istituzioni | Législatives 2012 | Présidentielles françaises | Municipales Aiacciu 2015 | TARRITURIALI DI 2015 | U Filu di a Storia | Custruì una sucietà libera | Inizià u Riacquistu Ecunomicu | Elezzione legislative 2017